Il regime premiale per il 2015

regime-premialeIl regime premiale per il periodo di imposta 2014 è stato previsto per 157 studi di settore con una platea potenziale di 2 milioni di contribuenti. Non rientrano all’interno del regime premiale i lavoratori autonomi, per i quali sono ormai tre anni che si aspetta di farli rientrare all’interno dei benefici previsti dal regime (art. 10 del Dl 201 del 2011).

Per il periodo di imposta 2014 si prevede che rientrino all’interno del regime premiale gli studi di settore per i quali risultano approvati indicatori di coerenza che sono riferibili alle seguenti tipologie: efficienza e produttività del sistema lavoro, efficienza e produttività del fattore capitale, efficienza di gestione delle scorte, redditività e struttura.

Quali sono gli studi di settore interessati

In ogni caso gli studi interessati sono contenuti nel provvedimento n. 78324/2015 e rispetto all’anno precedente sono aumentati del 35 %. Tenuto conto che la particolare funzione di stima prevista non riesce a valorizzare in modo completo i casi di omessa fatturazione, il provvedimento stabilisce che gli stessi restano esclusi dal regime anche per l’annualità 2014 in attesa delle eventuali modifiche. Ricordiamo che l’art. 10 del dl 201 del 2011 prevede la possibilità di poter usufruire dei seguenti benefici:

  • Preclusione degli accertamenti basati su presunzioni semplici;
  • Determinazione sintetica dell’imponibile irpef esclusivamente qualora il reddito accertabile è superiore di un terzo rispetto a quello dichiarato;
  • Riduzione di un anno dei termini ordinari di decadenza per l’accertamento ai fini dei redditi iva a meno che non siano stati riscontrati illeciti di tipo penale;

I benefici sono previsti per chi vuole far valere congiuntamente le tre condizioni: effettivo assoggettamento agli studi di settore con esito di congruità anche a seguito di regolare adeguamento, regolare adempimento degli obblighi di comunicazione dei dati rilevanti con fedele compilazione del modello e coerenza rispetto agli specifici indicatori previsti dagli studi di settore applicabili .

Fonte: www.fiscosemplice.com


Commenti