L’emozione di aspettare un bambino

Sia per le future mamme che si trovano ad aspettare un bambino per la prima volta, che per le donne che hanno già vissuto con gioia e piacere l’esperienza della gravidanza, sentire il bambino che compie i primi movimenti all’interno dell’utero genera sempre una grande emozione

gravidanza

Molto più grande quando accade per le primissime volte e quando la donna incinta non è ancora abituata a questi movimenti.

Non è facile descrivere l’emozione del movimento fetale: esso appare, per alcune donne, come una sorta di bolla gassosa, un ondeggiamento nella pancia che si protrae fin sotto l’ombelico. Questi movimenti inizialmente non si comprendono, ma con il passare del tempo e soprattutto man mano che il bimbo cresce, diventano sempre più frequenti, regolari e più forti. I primi movimenti sono ancora più emozionanti per tutte quelle mamme che hanno avuto difficoltà di concepimento e sono dovute ricorrere alle moderne tecniche di inseminazione artificiale per poter realizzare il loro sogno.

C’è inoltre da aggiungere che ogni bambino si muove in modo diverso e non bisogna spaventarsi se non si riesce a percepire sempre l’ondeggiamento; questa è una situazione che può variare di caso in caso, ma è comunque importante tenere sotto controllo eventuali cambiamenti drastici. Ad esempio, se il bambino per molto tempo si è mosso in maniera regolare e all’improvviso rimane fermo per parecchio tempo, allora è il caso di chiedere consiglio al proprio medico.

Quando si raggiunge la ventesima settimana di gravidanza, il movimento del bambino può diventare ancora più regolare: secondo alcune statistiche, fino alla trentaduesima settimana il bambino può muoversi fino a 500 volte al giorno. Certo è che, quando ci si trova di fronte a gravidanze molto movimentate (soprattutto di notte) può essere faticoso dormire; in questo caso si può risolvere facendo un bel bagno caldo prima di andare a letto, ed evitando gli esercizi poco prima di dormire.

Generalmente i movimenti del bambino non provocano dolore, ma quando ciò accade in funzione della posizione che il piccolo ha assunto nell’utero, si può alleviare semplicemente spostandosi da un fianco all’altro; inoltre, è bene comunque che i movimenti vengano controllati nel caso di gravidanze difficili o diabete.

Bagni troppo caldi, saune, bagni turchi vanno assolutamente evitati perché la temperatura corporea troppo elevata potrebbe nuocere al bambino: gli stessi suggerimenti vanno seguiti nel caso di termocoperte, che andrebbero evitate in favore di trapunte o piumoni.

Tra i disturbi veri e propri nell’aspettare un bambino, il bisogno di urinare spesso e la stitichezza sembrano i più frequenti: con i giusti consigli del proprio medico, non sarà comunque difficile affrontarli nella maniera più adeguata.


Commenti