Ridisegnare gli spazi con le librerie bifacciali

Nell’arredare gli spazi della propria casa spesso si ha la necessità di dividere gli spazi al meglio, rendendoli più pratici e funzionali.

libreria bifacciale

Una delle soluzioni di arredamento che sta avendo molto successo negli ultimi anni è la libraria bifacciale, un mobile di dimensioni diverse che può essere utilizzato liberamente per ridisegnare e dividere gli spazi interni.
Lo scopo di queste librerie è proprio quelli di definire e suddividere gli ambienti di casa o dell’ufficio, guadagnando di funzionalità e senza sacrificare la luminosità degli ambienti.
Le potenzialità applicative di questo tipo di librerie sono straordinarie, vediamo alcuni esempi:
In uno spazio ristretto come può essere quello di un monolocale, per esempio, è possibile utilizzare librerie bifacciali per dividere l’ambiente, separando la zona notte dalla zona giorno, il tutto senza lavori di muratura e con una resa estetica davvero unica.
In appartamenti di ampia metratura, invece, le potenzialità divisorie delle librerie bifacciali si moltiplicano.
Possono essere utilizzate per esempio per dividere un ampio soggiorno, creando due spazi contigui ma separati, oppure in un contesto in cui la zona cucina e il soggiorno occupano lo stesso spazio, possono essere utilizzate per creare uno stacco graduale tra le due parti, senza precluderne la funzionalità.
Ma non finisce qui, perché anche i living molto grandi possono essere razionalizzati “ridisegnando” lo spazio con queste librerie, che andranno a separare le diverse aree di destinazione della zona giorno, ad esempio il soggiorno dalla cucina.
Ma non solo, perché i momenti di relax o di lettura potranno essere “isolati”, lontani dalle distrazioni del resto dell’abitazione.
Il settore dell’arredamento propone in commercio tantissimi modelli di librarie bifacciali, di diverse dimensioni, forme, colori, addirittura con sistema modulare per una personalizzazione totale degli spazi.
Il materiale e i colori, in particolare, possono variare per adattarsi allo stile del proprio arredamento, con soluzioni classiche o più moderne, capaci di integrarsi perfettamente nel contesto.
Si tratta di prodotti che si possono abbinare a mobili e complementi molto diversi tra loro, trasformando radicalmente l’ambiente in linea con il proprio stile abitativo.
In particolare i quadri diventano un complemento da scegliere con cura in base al modello della libreria che si decide di acquistare.
La tipologia dei quadri infatti può essere differente, si va dai classici quadri ad olio incorniciati a quadri più moderni in acrilico, per esempio, anche senza cornice.
Il quadro diventa una prosecuzione dell’arredo, in questo caso della libraria, creando una sensazione di leggerezza e di continuità tra uno spazio e l’altro.
Altro elemento che si può integrare facilmente sono gli specchi, posti per esempio di fronte alla libreria ampliano la percezione dello spazio attorno a sé.
Le librerie bifacciali sono sicuramente la soluzione migliore per suddividere gli spazi interni ed eterni in base alle proprie esigenze abitative.


Commenti