Uscita dell’Euro: conviene o no?

trading-on-line

E’ un pensiero di molti, dal volto populista e privo di effettivi riscontri, in quanto mai avvenuto in precedenza, dalle origini dell’Unione Europea. Tuttavia, i venti di crisi stanno rendendo sempre più popolare il concetto secondo il quale l’uscita dalla moneta unica europea, l’Euro, potrebbe portare vantaggi e benefici economici.

Per sfatare la crescente popolarità dell’idea, è sceso in campo proprio il Presidente della BCE Mario Draghi, che in un’intervista al settimanale francese Le Journal du Dimanche ha ribadito la propria fedeltà all’Euro, evidenziando come l’idea che un’economia nazionale otterrebbe immediati vantaggi da una svalutazione competitiva per l’uscita dalla moneta unica non sta in piedi. Inoltre, punzecchia le Banche e il ruolo imprescindibile che le stesse devono ricoprire per poter garantire una efficace ripresa. Gli Istituti Bancari, infatti, devono assumersi i rischi con prestiti verso la piccola e media impresa, affinché si possa parlare di stabilità e riduzione dell’occupazione.

In Italia rimangono inoltre problemi legati alla stabilità politica, alle riforme necessarie per eliminare la burocrazia e rimettere in sesto lavoro e previdenza. Sempre più persone, ad esempio, sono coinvolte in processi alternativi di previdenza come il Fondo Cometa o servizi analoghi, in grado di assicurare maggiore sicurezza una volta in pensione.

Il problema fondamentale dall’uscita dell’Italia dall’Euro è legato al concetto stesso di Europa. L’Unione, infatti, è stata molto veloce a realizzare ed attuare un’idea di moneta unica senza precedenti, ma lenta ad armonizzare leggi nazionali, normativa sul lavoro, tassazione delle imprese. Ne giovano, dunque, al momento, gli Stati più forti a discapito di quelli più deboli economicamente (come Grecia o Spagna) o meno preparati ad affrontare un piano di ristrutturazione politica, come l’Italia. In Francia, crescono i consensi per la vena anti-europeista di Le Pen, pronto a chiedere agli elettori, a mezzo referenudum, l’uscita dall’Euro della nazione.


Commenti