Cosa vedere a Riccione

Difficile nelle uggiose giornate invernali non correre con la memoria alla spiaggia infuocata delle bollenti estati riccionesi, ai colori vividi dei lettini sulla sabbia dorata, degli ombrelloni contro il turchese del cielo e dei pedalò sul blu intenso del mare. Il fascino di Riccione corre sul bagnasciuga e prosegue tra le vetrine illuminate delle boutique in Viale Ceccarini, la strada simbolo di Riccione, si snoda sotto Pioppi, Platani e Ippocastani. Una passerella elegante e raffinata che ha visto transitare il jet set internazionale e le più importanti personalità politiche. Un lembo di Romagna che l’occhio lungimirante del conte Giacinto Soleri Martinelli volle trasformare nella magia di una città giardino dove le villette in stile liberty del centro si circondano di parchi, giardini, aiuole e viali alberati. Poi fu il turno della generosità filantropica dei coniugi Ceccarini, dei piccoli ospiti scrofolosi che il grande cuore dei riccionesi accoglieva con tutto l’amore che i loro visini pallidi reclamavano. Le rotte turistiche nazionali ed internazionali cominciarono a notare seriamente le bellezze riccionesi in uno dei periodi più tristi dell’epoca contemporanea, quando gli obiettivi dell’Istituto Luce catturavano le immagini del Duce con i Capi di Stato e i più importanti personaggi del panorma politico europe: casa Mussolini, le colonie estive Le Navi, il mare, i comizi. Improvvisamente le immagini di una Riccione attraente e desiderabile cominciarono ad entrare nelle case di tutto il mondo.

La ripresa post bellica ed il boom economico inaugurarono definitivamente la fortunata stagione del turismo di massa, che qui a Riccione pur essendo accessibile ed economico si caratterizzò fin da subito per la frequentazione di celebrità e star del cinema e della televisione. I nuovi vitelloni e la dolce vita in salsa romagnola favorirono lo svilupparsi di un fitto tessuto di locali di tendenza capaci, negli anni ’50 e ’60, di rivaleggiare con la mondanità di Capri e Saint Tropez. Tra tendenze e nuove mode Riccione attraversò da protagonista gli anni ruggenti della disco music, sfilando tra i tornanti della collina di Coriano una lunga serpentina di autovetture e vespe faceva la spola tra Pascià e Cocoricò, Prince e Peter Pan. Un’avventura non ancora terminata, che continua a cavalcare l’onda delle più attuali correnti della nightlife e che fa di Riccione una delle mete più ambite e ricercate dal popolo della notte.

Ma Riccione è anche terme, parchi divertimento, storia e natura, è un entroterra magico tutto da scoprire con i suoi mille piccoli borghi medievali e le verdi colline che introducono ai più ricercati piaceri enogastronomici e agli antichi resti di potenti signorie.

Non meno generosa in quanto a ricettività ed accoglienza, Riccione sa viziare i suoi ospiti tra i servizi di mille confortevoli alberghi. Gli hotel di Riccione hanno saputo distillare esperienza e professionalità mantenendosi sempre un passo avanti agli altri, con i più ricercati ed esclusivi servizi, senza mai dimenticare naturalmente la cordiale accoglienza che ha reso famoso il temperamento romagnolo. Hotel per bambini, per sportivi, per disabili, per celiaci, accessibili agli animali domestici, con aria condizionata, piscina, internet wi-fi o centro benessere… Tutto quello che cercate a Riccione c’è, hotel ad 1, 2, 3, 4 o 5 stelle, convenzioni e promozioni esclusive dal più semplice Bed & Breakfast al più sofisticato All Inclusive. Soggiornare in un hotel sul lungomare di Riccione presenti sul sito web infohotelriccione.it è sempre garanzia di sicuro successo per ogni turista che si affacci su questa bellissima terra. La zona mare è senza dubbio una delle più vivaci ed organizzate, ricca di negozi, ristoranti e locali, consente di vivere il mare a 360° per un pieno di relax, sport, benessere e divertimento senza rinunciare a tutte le comodità che la piazza riccionese mette a vostra disposizione.


Commenti