Rimodellare le braccia

Da una recente statistica si evince che uno degli interventi estetici più richiesti e al quale si sarebbero sottoposte anche l’attrice Jennifer Aniston e Michelle Obama è quello per rimodellare le braccia. Se in estate vi vergognate di indossare le magliette per via della pelle in eccesso sotto le braccia, vediamo insieme cosa si può fare. Si chiama brachioplastica e prevede la rimozione di cute e tessuto adiposo in eccesso delle braccia, per rimodellarle e ripristinare l’aspetto tonico. Ci sono sostanzialmente due tecniche. Il rimodellamento del braccio, mediante un lifting della cute, è uno dei più efficaci, effettuando una incisione a livello del cavo ascellare. La cicatrice in questo caso sarà nascosta sotto l’ascella e quindi invisibile. Questo ad oggi è il più richiesto: dà ottimi risultati ed è esente da rischi, relativamente indolore e può essere fatto con anestesia distrettuale, ossia addormentando solo le braccia e sedando il paziente per rilassarlo. Questa operazione, però, trova limitazioni in chi ha cedimenti importanti della cute e per queste persone, specie per gli ex obesi, è necessario un intervento diverso e più invasivo. Consiste in una lunga incisione sulla parte interna del braccio che si estende dal cavo ascellare al gomito, necessaria per tagliare e rimuovere il tessuto cutaneo in eccesso. Il risultato della cicatrice dipenderà non solo dalla bravura del chirurgo, ma anche da come la pelle cicatrizza. Nel migliore dei casi rimarrà dopo un periodo di rossore, una linea sottile bianca di pochi millimetri. Un’alternativa meno invasiva, che consente di ottenere comunque braccia sode e toniche, è rivolgersi ai trattamenti di una scuola di estetica, che sappia ottenere un risultato al pari dell’intervento, tramite il corretto uso di tecniche di massaggi, trucco e trattamenti estetici.


Commenti