Guida all’acquisto dei mobili d’antiquariato

I mobili d’antiquariato conferiscono alle abitazioni un’aria altisonante. Bisogna, dunque, imparare a conoscerli. Tra i mobili più ricercati ci sono le camere da letto, studi, sale da pranzo. I materiali più utilizzati sono il ferro battuto e il legno.

 

Possiamo scegliere uno stile “antico” per case, uffici, studi di grandi professionisti che in tal modo acquisiscono un’aria solenne ed autorevole. Includiamo in questa lista anche i dipinti antichi dei pittori più famosi.

Per quanto concerne le abitazioni, questo gusto spesso contrasta con gli arredi moderni e tecnologici. La tavernetta delle villette, generalmente è lo spazio più ricco di vetrine, tavoli enormi, elementi che generino calore.

Per le camere da letto, non mancano specchiere con toilette, armadi, cassapanche, letti con baldacchino.

Per conoscerli meglio possiamo acquistare riviste, chiedere informazioni ad esperti, leggere libri, frequentare musei e mercatini.

 

Quando parliamo di antiquariato dobbiamo ricordare che ogni stile richiama un’epoca, un paese. In tal modo riusciamo a distinguerli l’uno dall’altro, quantificarne il valore, tecniche e tendenze, materiali impiegati.

Ogni stile è diverso. Il Liberty viene dall’America, impiega colori, vetro e ferro.

Il Rococò è invece austero e solenne. Con forme pesanti e decorazioni floreali. Viene impiegato negli arredamenti da giorno e negli studi.

C’è lo stile Impero, di matrice Napoleonica, che riprende i motivi classici dell’arte greca e romana.

L’antiquariato è un settore che non conosce crisi e il numero di fiere diffuse sul territorio lo dimostrano.

 

I luoghi per acquistare sono diversi: antiquari, mercatini, aste (per i mobili originali); rivenditori (per quelli in produzione industriale). I prezzi, spesso, riguardano pezzi unici e quindi, sono elevati.

Il prezzo più alto viene pagato all’antiquario, causa vendita con certificazione che ne attesta provenienza, stile. E’ compreso il trasporto e restauro. Per i pezzi prodotti “in stile” i prezzi sono più ragionevoli, ma bisogna badare alla qualità dei materiali e alla manodopera. Anche qui vi sono certificazioni.

Si può acquistare in fiera, approfittando del prezzo d’ingrosso o nei mercatini, dove si trovano occasioni e vere e proprie rarità. L’unico problema resta il trasporto, per il quale, si deve pensare al noleggio di un furgoncino.

Infine, si può utilizzare internet, dove, seppur con attenzione, si può prendere parte alle aste, usufruendo di prezzi vantaggiosi e prestando massima attenzione agli annunci.


Commenti