Che cos’è la Pietra della Lessinia?

E’ un tipo di pietra potremmo dire particolare, della zona italiana del Veronese, conosciuta  anche col nome di Pietra di Prun, o volendolo dire più culturalmente, calcare lastrolare  o scaglia rossa. Questa pietra è del genere calcareo,  e in miniera si trova a strati il cui spessore può variare partendo da una cosa come circa 4 centimetri  per arrivare sino a circa 40. La crosta di questa pietra ha una colorazione che può essere il rosso, un bianco verdaceo o un bianco rosato.

La Pietra della Lessinia tra le altre cose ha una certa resistenza sia a sbalzi di temperatura che a freddo intenso tipo gelo.  Nell’antichità i Romani la usarono per creare monumenti, marciapiedi, fontane, balconi ed altro. Più avanti nel tempo contribuì a dare maggiore pregio a costruzioni religiose come basiliche e battisteri , sia nella zona veneta ma anche in Emilia.
L’uso più moderno è quello della costruzione di marciapiedi e copertura di tetti, questo sempre maggiormente nella zona attorno a Verona ma anche nel resto dell’Italia, e grazie alla tecnologia odierna può essere usato nella pavimentazione di uffici, saloni, taverne, come anche bagni o cucine.

Le ditte italiane specializzate nella fornitura e posa in opera della pietra di prun sono numerose in Italia, esse si sono impadronite con risultati eccellenti della tecnologia atta a far si che questa pietra possa essere usata con successo nella pavimentazione sia di interni che di esterni e quindi per numerosissime utilizzazioni in campo edilizio, con risultati finali generalmente estestici, eleganti e resistenti. Numerose sono le aziende che trattano contemporaneamente la posa di questa pietra e la posa in opera di porfido.

Con la Pietra di Lessinia vengono realizzate anche finiture e rivestimenti, tipo zoccolino o battiscopa come anche scale da interni. Le realizzazioni in pietra di prun  rendono ogni pavimentazione un investimento qualitativo che deve essere impreziosito da ua posa in opera si alto livello eseguita da professionisti esperti del settore.


Commenti