Un percorso ludico didattico nei centri estivi

Le vacanze si avvicinano e le scuole e gli asili chiudono. Questo avvenimento è visto dai bambini come un momento di gioia e liberazione ma per i genitori spesso diventa un dramma.

Non tutte le famiglie hanno a disposizione i propri genitori ai quali affidare i figli.

I motivi possono essere molteplici. Uno di questi è la distanza, non tutti hanno la fortuna di avere i nonni a portata di mano e portare il figlio da loro e poi andare a lavoro può diventare un’impresa.

Spesso nonostante la distanza non proibitiva gli acciacchi dell’eta possono limitare le forze e controllare il bambino risulterebbe problematico, in questi casi si preferisce rinunciare per non affaticarli ulteriormente.

Naturalmente entra in gioco anche la categoria di coloro che non posso affidarsi ai propri genitori perché non ci sono più.

Le alternative per fortuna ci sono e tra queste troviamo i  centri estivi Klab Kids a Firenze nel quale è possibile svolgere numerose attività.

La struttura di piscina ed facile trovarvi all’interno dei veri e propri corsi di nuoto.

I centri hanno a disposizione ampi spazi all’aperto nel quale organizzare diverse tipologie di intrattenimento nel quale i bambini vengono seguiti dall’occhio esperto dello staff specializzato.

Se il luogo che ospita il centro è immerso in un bel contesto naturalistico è facile che vengano programmate delle gite a carattere educativo nel quale verrebbero spiegate delle nozioni sulla flora e la fauna del luogo.

Può capitare che le condizioni meteorologiche possano compromettere lo svolgimento di attività all’aperto ma sono comunque numerose quelle che posso essere eseguite al coperto.

Inoltre molti centri vacanze sono dotati di personale che possono aiutare i bambini con i compiti per le vacanze unendo così svago e studio.

In definitiva il centro estivo può rappresentare un luogo per ampliare le amicizie ma può servire anche per imparare cose nuove in maniera leggera e divertente, una sana maniera per unire l’utile al dilettevole.


Commenti