Che cos’è un intervento per la miopia

Sempre più persone affette da miopia decidono di ricorrere all’intervento, mal sopportando l’utilizzo di occhiali e lenti a contatto; gli ultimi studi e risultati, come dimostra la testimonianza di numerosi pazienti, hanno descritto l’intervento per correggere la miopia come un’operazione ormai rodata e sicura.

Tuttavia, qualora la miopia sia particolarmente elevato, risulta quasi impossibile eliminare totalmente il difetto, e si considera un successo anche il solo fatto di riuscire a diminuire il numero di diottrie mancanti.

Oltre al laser, tecnica senz’altro più nota relativamente all’intervento miopia, viene utilizzata anche una lentina refrattiva di ultima generazione che, costituita con materiale biocompatibile, viene inserita nell’occhio durante l’intervento; la lente viene inserita nell’occhio attraverso un foro minuscolo, evitando così problemi di punti di sutura e cicatrizzazione.

In sostanza la funzione della lente è la medesima delle lenti a contatto esterne, ma operando internamente, il paziente non dovrà più indossare tutti i giorni le lenti e la sensazione sarà quella di riuscire a vedere senza indossare alcunché.

Durante il decorso post-operatorio (generalmente rapido ed indolore) il paziente dovrà curare l’occhio inserendo sempre del collirio antibiotico, a tutela del micro-foro che è stato creato per inserire la lente, necessario per evitare che si creino infezioni.

I controlli successivi all’intervento per la miopia saranno focalizzati innanzitutto sull’accertamento della cicatrizzazione del piccolo foro, ma soprattutto al controllo della posizione della lente interna, che deve mantenersi fissa per assicurare al soggetto una corretta visione.

Sia nel caso in cui l’intervento per la miopia sia effettuato con la tecnica laser che con la lente refrattiva, si consiglia sempre di affidarsi in mani esperte data la delicatezza dell’organo in questione (gli occhi).


Commenti