Come risolvere il problema della cataratta

come curare la catarattaIl cristallino ha una funzione importantissima per la vista: quella di mettere a fuoco le immagini, come accade per l’obiettivo di una macchina fotografica. Con l’avanzare dell’età questa lente naturale, contenuta nell’occhio umano è interessata da un processo di ossidazione delle proteine che la compongono: inizia così la cataratta.

È una patologia che consiste nell’opacizzazione del cristallino che diventa duro, perde elasticità e si ispessisce. La cataratta non è dolorosa ma è estremamente fastidiosa in quanto causa seri problemi alla vista. La perdita di trasparenza del cristallino contribuisce a rendere la visuale offuscata. In presenza di luce i problemi si acuiscono: per una persona affetta da cataratta e quasi impossibile guidare di sera. Per questo motivo chi affetta da questo problema deve rivolgersi a specialisti del settore per riuscire a curare definitivamente questa patologia. Fortunatamente la chirurgia oftalmica offre una soluzione definitiva a tal proposito, soluzione chirurgica che andiamo a vedere nel dettaglio.

Per risolvere definitivamente il problema è infatti necessario ricorrere ad un intervento chirurgico, denominato intervento di cataratta (maggiori info sull’intervento chirurgico di cataratta qui) che consiste nell’asportazione del cristallino naturale che viene sostituito con una lente artificiale intraoculare. Le tecniche di asportazione della cataratta sono molteplici ma quella maggiormente eseguita e più all’avanguardia è la facoemulsificazione.

Consiste in una frammentazione (tramite sonda ad ultrasuoni) del cristallino e nell’introduzione di una nuova lente che permette l’acquisizione del 100% della capacità visiva dell’occhio. Si tratta di un intervento poco invasivo che deve essere eseguito da specialisti nel settore, che vantano esperienza e professionalità. Tramite questo intervento anche la fase post-operatoria è più rapida.


Commenti