Come rallentare il metabolismo

come ridurre l'attività metabolicaCi sono persone che fanno invidia ai più, che possono permettersi di mangiare di tutto ed in abbondanza senza aumentare di un solo chilo e mantenendo sempre un corpo snello ed una figura asciutta. Essi non conoscono diete né sanno cosa vuol dire la parola “grasso” e pur volendo non riescono in alcun modo ad acquistare peso, finendo talvolta per avere il problema opposto a quello della maggioranza delle persone che rincorre la linea perfetta e l’ideale della magrezza.

Come per chi ingrassa solo guardando il cibo, alla base di questa condizione vi è uno squilibrio del metabolismo, che essendo troppo veloce porta l’organismo a bruciare in fretta le calorie introdotte con l’alimentazione, non permettendo l’accumulo di grassi. Se il tuo desiderio è prendere peso e rallentare il metabolismo, ecco allora qualche utile suggerimento.

Un metabolismo veloce può essere il frutto di una disfunzione endocrina ed ormonale. La prima cosa da fare, dunque, soprattutto se in casa vi sono familiari che soffrono di problemi alla tiroide, è quella di rivolgersi ad uno specialista che prescriva degli esami appropriati ed eventualmente suggerisca una cura.

Al di là delle influenze ereditarie, il metabolismo può essere in parte modificato e controllato mediante l’alimentazione e lo stile di vita. Se praticate molta attività fisica questa andrà mantenuta ma, per rallentare il metabolismo, potrebbe essere utile ridurre la frequenza e l’intensità degli sforzi. Si otterrà infatti una riduzione della massa magra, ossia di quella muscolatura che bruciando grandi quantità di calorie contribuisce ad innalzare l’attività metabolica. Passeggiate, corsa e cyclette 3-4 volte alla settimane per un circa 20 minuti saranno dunque l’ideale.

La riduzione dell’attività fisica è solo uno dei tasselli per abbassare il metabolismo. L’altro è costituito da una modificazione della dieta e delle abitudini alimentari. Pasti frequenti, snack e spuntini  a qualsiasi ora del giorno non fanno altro che rendere più veloce l’attività metabolica. L’ideale, allora, è fare pochi pasti, non saltando mai la colazione, e mangiare in abbondanza soprattutto la sera prima di mettersi a letto, approfittando dell’abbassamento notturno dell’attività metabolica per mettere qualche chilo in più.

Per quanto riguarda la dieta, andranno invece evitate alcune sostanze come quelle contenute nel tè e nel caffè che stimolano la digestione, velocizzando il metabolismo. Andranno evitati i cibi ricchi di proteine e quelli speziati così come alcuni alimenti che influiscono sull’organismo riducendo l’accumulo di grassi, come ad esempio la cicoria, la carota, le melanzane, il radicchio e le fragole. Senza esagerare, si potranno invece preferire alimenti che rallentano l’attività metabolica, come il pane bianco ed i cereali, la pasta ed il formaggio, o le fritture e gli alimenti precotti.

Un ulteriore possibilità per abbassare il tasso metabolico è l’assunzione di alcool, sostanza ricca di zuccheri che fa in modo che l’organismo bruci meno grassi. Chiaramente se ne farà un uso moderato, accompagnando ad esempio la cena con un bicchiere di vino.

(qui un elenco delle diete possibili)


Commenti